Sono pericolose le Sigarette Elettroniche?

6 contenuti / 0 new
Ultimo contenuto
Brian
Ritratto di Brian
Offline
Iscritto: 03/02/2009
Sono pericolose le Sigarette Elettroniche?
Versione stampabileSend by emailVersione PDF

Discutiamo in questo forum sui potenziali effetti nocivi della sigaretta elettronica.

Meglio non fumare per niente: su questo non c'è dubbio.

Ma le sigarette elettroniche nascondono dei rischi che ignoriamo?

La comunità scientifica è divisa: la diffusione dell'e-cig è stata troppo veloce per far sviluppare un'opinione comune.

Intanto Veronesi si schiera tra i favorevoli ed accusa il Governo di boicottaggio

 

sergio
Ritratto di sergio
Offline
Iscritto: 21/04/2009

Sicuramente sono un passo avanti rispetto al tabacco...ma permettere che nei luoghi chiusi si possa fumare non mi piace: perchè io devo essere costretto a sentire l'odore di vaniglia della e-cig di quello che la fuma accanto.

Tempo fa ho assistito ad un discussione in autobus: un tizio si mise a fumare la sua e-cig ed a tanti dava fastidio.... non perchè "puzzasse" ma per il fatto in sè che non si sa bene ancora cosa ci sia dentro: era vista come una libertà eccessiva......

sara
Offline
Iscritto: 21/11/2013

si vabbè ma per chi fumava un pacchetto al giorno è un bel miglioramento non sentire il catrame in bocca tutto il giorno.....ed anche per chi gli sta accanto...soprattutto in famiglia.

 

poi ..vabbè bisogna stare attenti a cosa esattamente c'è in quella roba....magari tra un paio di anni vedremo gente col tumore perchè c'èra un additivo considerato innocuo invece nocivo...ma quello può valere per ogni cosa....

 

io le fumo contenta.....mi sento meglio !!!

 

mammabio
Offline
Iscritto: 21/11/2013

quello che però non capisco è l'atteggiamento ipocrita e confusionario del governo.

All'inizio il legislatore si era comportato bene dicendo che finchè non ci fosse stata la certezza che le e-cig non facessero male andavano trattate come le sigarette normali e quindi bandite dai luoghi pubblici.

Adesso, forse per farsi perdonare di averle tassate al 58,5% (!!!!!!!!) ne hanno autorizzato l'uso praticamente ovunque con la unica eccezzione delle scuole ed università.

Cioè un atteggiamente ondivago ..... non ci sono state altre ricerche scientifiche nel frattempo che hanno stabilito che le e-cig sono totalmente innocue.

E poi che senso ha permetterle in tutti i luoghi pubblici ad eccezzione delle scuole ed università??? se fanno male per dei ventenni non è che fanno bene ha chi ha 10 anni di più....o no???!!!!

La verità è sempre ed una sola: i politici italiani sono SUCCUBI DELLE LOBBY CHE PAGANO PER VEDER DIFESI I LORO INTERESSI!!!!angryangryangry

sergio
Ritratto di sergio
Offline
Iscritto: 21/04/2009

riporto da un articolo di repubblica.it:

Secondo Giacomo Mangiaracina, Presidente dell'Agenzia Nazionale per la Prevenzione e direttore dell'unità di tabaccologia dell'università Sapienza di Roma, "la ratio del divieto continua a persistere, per cui ci mobiliteremo per protestare contro questo provvedimento". "E' stata abrogata una norma di civiltà a beneficio dei cittadini - aggiunge Mangiaracina - Avrei capito se la questione fosse limitata alle sigarette elettroniche. Così, però, si obbliga la gente a respirare nicotina che anche se è 20 volte inferiore a quella della sigaretta tradizionale, contiene comunque quantità di PM10 e PM2,5, come abbiamo potuto accertare anche con i nostri studi, condotti insieme con Federasma e l'associazione Pazienti BPCO".

è come dici tu: le hanno tassate in modo esorbitante e per "compensazione", o per farsi perdonare o per assicurarsi le entrate in tasse, ne hanno liberalizzato l'uso più o meno ovunque....schifosi...

 

 

quanto ai Lobbisti.... il primo è sicuramentre Veronesi che le ha sempre sponsorizzate, come ha fatto con gli inceneritori

mammabio
Offline
Iscritto: 21/11/2013

l'inchiesta migliore l'aveva fatta il Salvagente in tempi non sospetti....all'inizio del boom....giugno 2013

cito testualmente dal sito:


Piombo, cadmio, cromo e arsenico. Sono alcuni dei metalli pesanti, tossici o peggio cancerogeni, presenti nei sei liquidi per e-cig che il settimanale il Salvagente ha fatto analizzare dal dipartimento di Farmacia dell’Università Federico II di Napoli e che denuncia in un ampio dossier sul settimanale da oggi in edicola e in vendita in Pdf a un euro anche on line (il Salvagente n°24 13-20 giugno 2013).
“I valori sembrerebbero molto elevati, in special modo per il campione Louisville, nel quale la concentrazione di arsenico sarebbe più elevata di quella ammessa per l’acqua potabile. Valuteremo attentamente”, spiega al Salvagente Raffaele Guariniello, il procuratore di Torino che da tempo indaga sulle sigarette elettroniche e sui relativi liquidi di ricarica e che, a seguito delle analisi, ha aperto un nuovo fascicolo di indagine.

 

ma questa indagine che fine ha fatto???!!!!!!

Panorama aveva ripreso l'inchiesta del Salvagente ed aveva aggiunto di suo. Da Panorama.it (del 14-6-2013):

La rivista dei consumatori Il Salvagente ha fatto analizzare dal dipartimento di Farmacia dell'Università Federico II di Napoli il contenuto dei liquidi di sei prodotti (T-Fumo vanilla senza nicotina, Amber Leaf-Low, Duenote Caffè 9, Elit Italia Tobacco gold, Dekang ginseng e Want 2 Vape Vapenste in Blend Louisville) e ha trovato una serie di metalli pesanti. Piombo, cadmio, cromo e arsenico, sostanze considerate tossiche, o peggio cancerogene. A seguito delle analisi, il procuratore di Torino Raffaele Guariniello ha aperto un nuovo fascicolo di indagine nell'ambito dell'inchiesta sulle sigarette elettroniche.

"I valori - ha spiegato Guariniello - sembrerebbero molto elevati, in special modo in un campione, nel quale la concentrazione di arsenico sarebbe più elevata di quella ammessa per l'acqua potabile. Valuteremo attentamente". Al di là delle concentrazioni rilevate, la cosa preoccupante, sottolinea il Salvagente, "è che in assenza di una normativa di riferimento, che stabilisca le sostanze ammesse e i relativi limiti, nelle ricariche può finire di tutto".

In questo temporaneo Far West a preoccupare è soprattutto l'assenza di una "valutazione del rischio", in mancanza della quale "nessuno può stabilire gli effetti di una, seppur minima, quantità di arsenico o piombo assorbita dal corpo umano per inalazione". I produttori contattati dal Salvagente hanno dichiarato di "monitorare la presenza dei metalli pesanti" e chiedono "urgentemente una regolamentazione" che disciplini direttamente la produzione dei liquidi per le sigarette elettroniche.

Per il Codacons la scoperta sarebbe già sufficiente ad avviare "subito analisi a tappeto sui liquidi per e-cigarettes venduti in tutti i negozi d'Italia, e il ministero della Salute", chiede l'associazione di consumatori, "sulla base del principio di precauzione, disponga il sequestro dei prodotti pericolosi per la salute". La questione interessa molto da vicino 2 milioni di italiani che usano le e-cig tra cui mezzo milione di svapatori abituali.

Il problema della scarsa uniformità dei prodotti è comune in tutta Europa. Una decisione della Mhra, agenzia regolatoria dei farmaci britannica, impone a tutti i produttori di preparare dei dossier di sigarette e liquidi con la composizione e le caratteristiche, che verranno valutati poi come normali farmaci, anche se una volta approvate le e-cig saranno vendute anche al di fuori delle farmacie. Sul tema dovrebbe legiferare anche l'Unione Europea, con la Commissione che ha emanato una direttiva molto simile alla decisione inglese ancora in via di approvazione, mentre alcuni paesi come la Francia e anche l'Italia si stanno muovendo da soli, ad esempio bandendo le e-cig da scuole e luoghi pubblici.

Insomma esistono precisi limiti che regolamentano la presenza dei metalli pesanti nell'acqua e nell'aria, ma scopriamo che un esercito di svapatori inala volontariamente quantità probabilmente molto maggiori di queste sostanze tutti i giorni più volte al giorno, pensando tra l'altro che sia un atto benefico per la propria salute. Con quali effetti? Difficile stabilirlo con precisione proprio perché mancano valori di riferimento.

"Francamente ci aspettavamo di trovare il benzene, che è una delle sostanze più critiche della sigaretta tradizionale, ma non pensavamo di trovare nei liquidi i metalli pesanti", spiega Enrico Cinotti, della redazione de Il Salvagente. "In un caso poi, quello del prodotto Louisville, la concentrazione era davvero molto elevata, più di quella consentita nell'acqua potabile". "Gli esperti ci dicono che l'arsenico ingerito attraverso i cibi viene assorbito in una certa maniera nel copro umano ed esiste concentrazione massima tollerabile giornaliera e settimanale", spiega Cinotti. "Ma non sappiamo nulla su come viene accumulato l'arsenico aspirato dopo essere stato vaporizzato".

Ma i produttori non sanno cosa c'è nei loro prodotti? "Quelli che hanno risposto dicono che controllano i metalli ma in assenza di un riferimento non sanno che parametri usare. Quindi i più scrupolosi fanno riferimento alla legislazione che ne disciplina la presenza negli alimento o negli aromi alimentari. Ma da un punto di vista scientifico questo è corretto perché la modalità di assunzione è diversa". Sui reali pericoli è difficile giudicare anche perché mentre un litro d'acqua lo puoi bere in mezza giornata "per svapare 10 ml di liquido per e-cig magari ci metti una settimana", quindi è impossibile utilizzare i limiti dell'una per valutare i pericoli dell'altra.

Cosa succede ora? "So che con l'apertura di un altro fascicolo d'indagine da parte di Guariniello la Procura sta già facendo un gran lavoro di analisi e campionamenti in giro per l'Italia. Quello che noi ci auguriamo è che si vari più in fretta possibile una regolamentazione per stabilire cosa può andare dentro a questi prodotti e con quali limiti". Quello che stupisce, conclude Cinotti, è che ciò non sia stato fatto prima. "Se un costruttore di auto lancia un nuovo modello deve passare una serie di omologazioni, test di sicurezza, crash test, rifarsi a una serie di standard che sono normati. Prima di vendere qualcosa il prodotto deve essere disciplinato sia nella produzione sia nella vendita. Perché con i liquidi per sigaretta elettronica questa fase si è bypassata completamente?"

 

...ora nessuno ne parla più...per l'opinione pubblica e per lo stato le e-cig sono innucue e sicure......

Login o registrati per inviare commenti

                            Avvertenze                   I             Collegamenti                    I                  Download                           I              Contatti